Vintage Italian Postcards

Tuesday, April 24, 2007

GIANNI CAPRONI - BIOGRAFIA DEL PIONIERE DELL'AVIAZIONE


Gianni Caproni
Nato ad Arco nel 1886, Gianni Caproni studiò ingegneria a Monaco di Baviera e Liegi.
Nel 1909 Caproni costruì ad Arco il suo primo aereo a motore, il biplano Caproni Ca1, spinto da un motore Miller da 25 cavalli. Trasferito in Italia per i collaudi e portato in volo a Vizzola Ticino il 27 maggio 1910, il Cal si danneggiò in atterraggio.
Con l’appoggio del maggiore Giulio Douhet, comandante del Battaglione Aviatori, Caproni si dedicò nel 1913 alla progettazione di un bombardiere trimotore biplano, ampiamente usato nella prima guerra mondiale nei modelli Ca. 33-36.
Negli anni tra le due guerre, Caproni realizzò un’ampia gamma di aerei, dal gigantesco bombardiere esamotore Ca. 9 (1930) al piccolo biplano da addestramento Ca. 100 (1928). Nel 1938 il Ca. 161bis portò a 17.083 m. il record mondiale di altezza, tuttora imbattuto per aerei con motore a pistoni.
Nel corso degli anni Caproni espanse il suo gruppo anche in altri settori industriali, tra cui quello motoristico, con l’acquisizione di Isotta Fraschini e Carraro.
Titolare di oltre 160 brevetti, nel 1940 Caproni fu nominato Conte di Taliedo. Nonostante la voglia di proseguire l’attività aeronautica, culminata nel prototipo del quadriposto Ca. 193, il secondo dopoguerra portò a un drastico ridimensionamento del gruppo industriale.
Gianni Caproni scomparve nel 1957.
La Caproni Vizzola, ultimo ramo in attività del settore aeronautica, fu acquisita nel 1983 dall’Augusta.
L’interesse per Gianni Caproni e i suoi aerei è sempre stato altissimo anche all’estero. Per ricordare il centesimo anniversario della nascita del pioniere trentino, nel 1986 il prestigioso National Air and Space Museum di Washington espose nel padiglione “Early Flight” il monoplano Ca9, modelli, disegni, cimeli, medaglie vinte da apparecchi Caproni e una serie di pannelli illustrativi. Rientrato in Italia nel 1988, il Ca.9 è oggi esposto a Trento.

Dal sito :
http://www.museocaproni.it/giannicaproni.html